Le rose del mio giardino

Da un paio di anni ho scoperto che oltre ad i pomodori esistevano anche le rose. Ho quindi iniziato ad acquistarne e a coltivarne. Qui ve ne mostro alcune (CLICCA SULLA FOTO PER VEDERLA INGRANDITA)

Rosa Paul Neyron

Rosa George Denjean

Rosa Biedermeier

Rosa Best Impression

Rosa Heidi Klum

Rosa Double Delight

Rosa Baccara

Rosa Superstar

Rosa Barbara

Rosa Fiona Gelin

Rosa Ashram

Rosa First Lady

Rosa Nahema (rampicante)

Rosa Mainzer Fastnacht

Rosa Laetitia Casta

Rosa Des Cisterciens

Rosa Baron Girod de l’Ain

Rosa Ascot

Rosa Bailando

Rosa Gebruder Grimm-Marchen

Rosa Leonardo da Vinci

Rosa La Paloma

Rosa Damascena Marie Louise

Rosa Bolshoi

Rosa Kordes Jubilee

Rosa Cristoforo Colombo

Rosa President

Caprice de Meilland

Rosa Henri Matisse

Rosa Princesse Charlene de Monaco

Pubblicato in Le mie rose | Lascia un commento

Coltivare, piantare, far crescere le patate nel tuo orto

Io, che abito in Lombardia, solitamente pianto le patate nel mese di marzo, con la luna calante. Qui vedete le patate che ho utilizzato nel 2014. Si chiamano Kennebec e sono di pasta bianca
01

Innanzitutto le taglio in due parti assicurandomi che in ciascuna metà siano presenti le gemme.

02

Concimo la terra con lo stallatico, poi scavo un solco di una decina di centimetri e pongo i tuberi con la parte tagliata a contatto della terra. La distanza è di 30 cm l’uno dall’altro. La distanza tra una fila e l’altra 50/60 cm

23marzo

Dopo un mese circa questa è la situazione

24aprile

Quando le piante raggiungeranno l’altezza di 20/30 cm dobbiamo rincalzare la terra lungo le fila

25aprile2

25aprile

Dobbiamo prestare particolare attenzione alle dorifore, insetti che amano nutrirsi delle foglie. Io non uso veleni, ma almeno una volta alla settimana controllo che sotto le foglie non ci siano le uova di questi insetti, Se ci sono le schiaccio

Per quanto riguarda l’irrigazione io nei periodi particolarmente caldi innaffio a pioggia almeno un paio di volte la settimana

Le patate si raccolgono quando la pianta sarà seccata completamente. Io le ho raccolte a metà agosto. Per accertarvi se sono pronte per essere raccolte provate a sfregarne una con le dita. Se la pelle non viene via significa che sono pronte

6agosto

poi con la vanga scavo alla base della rincalzatura

6agosto1

6agosto2

6agosto3

Conservate le patate al buio e in un luogo fresco

Pubblicato in Orto | Lascia un commento

Ditelo con i fiori?? Meglio con…i pomodori!!!

Sarò creativo???

ditelocoipomodori

Pubblicato in Orto | 1 commento

Un pomodoro Kosovo del peso di un kg abbondante!!!

Ecco la foto del pomodoro più grosso che ho raccolto ai primi di agosto 2013. Si tratta di un bel pomodoro kosovo che pesa più di un kg

kosovo04

Pubblicato in Orto | 6 commenti

Varietà di pomodori non ibridi e anche antichi del mio orto

Questo è un pomodoro molto antico, proviene dal Perù e si chiama Cornuto delle Ande o Corno delle Ande. Polposo, pochi semi, poca acqua, frutti grossi. Unico difetto è il marciume apicale, ma solo nei frutti verso la parte più alta della pianta
CLICCA SULLE FOTO PER VEDERLE INGRANDITE

cornuto_delle_ande01

cornuto_delle_ande02

——————————————————

Costoluto fiorentino, molto produttivo, ma non mi ha convinto per la scorza un po dura. L’anno prossimo non lo ripianterò

costoluto_fiorentino

——————————————————

Pomodoro cuore di bue, un classico, molto produttivo e di qualità

cuore_di_bue

——————————————————-

Pomodoro datterino. Frutti piccoli e dolci

datterino

——————————————————-

Pomodoro Kosovo, frutti grandi, pianta produttiva, ideale per insalata

kosovo01

kosovo02

kosovo03

———————————————————-

Pomodoro muchamiel. Pianta molto produttiva. Quella che ho piantato quest’anno è una varietà tardiva.

muchamiel01

muchamiel02

———————————————————–

Il Pink Brandywine, pianta robusta, foglie grandi, i frutti sono di color rosa violaceo e di dimensioni notevoli

pink_brandywine01

pink_brandywine02

—————————————————-

Questo pomodoro è da salsa. la pianta è bassa e molto produttiva. La semenza mi è stata inviato da un amico di Valencia. Lui lo chiama Pipona. Assomiglia al Rio Grande, ma i frutti sono di dimensioni maggiori.

pipona01

pipona02

——————————————————

Pomodoro Principe Borghese, molto produttivo, frutti dolci a grappolo, in meridione viene essiccato

principe_borghese

—————————————————-
Pomodoro Red Pear Abruzzo, ottimo pomodoro, matura completamente, frutti con poca acqua, polposi

red_pear_abruzzo

——————————————————

Pomodoro ciliegino

sakura01

——————————————————-

Questo pomodoro si chiama Charlie Chaplin, è di origine statunitense, è molto produttivo

charlie_chaplin

charlie_chaplin02

———————————————————

Pomodoro Zogola, originario della Polonia, i frutti sono molto grossi. L’ho piantato perchè da qualche parte ho letto che non viene colpito dal marciume apicale.

zogola02

zogola03

zogola05

————————————————

Pomodoro Gigante del Belgio, ottimo pomodoro, frutti medio grandi, colore rosa e polposo, ottimo per insalata

gigante del belgio

Pubblicato in Orto | 35 commenti

Insalata “SALAD BOWL”

Buonissima questa insalata, molto tenera. Il suo nome è “SALAD BOWL”. Ne esistono due versioni, una verde e l’altra rossa.

SALAD BOWL GREEN

Pubblicato in Orto | 3 commenti

La mia nuova serra

Ho comprato questa serra di un metro per un metro. E’ molto capiente e robusta. Speriamo che duri nel tempo. Come potete vedere all’interno ho già posto i plateaux con le sementi
serra03

serra04

Pubblicato in Orto | Lascia un commento

Un sito che vende più di 4.000 differenti qualità di pomodoro

Ho trovato questo sito canadese di Tatiana Kouchnareva nel quale si vendono ben più di 4.000 varietà differenti di semenze di pomodoro ma anche tantissime altre di tutti i prodotti dell’orto. La cosa interessante di questo sito è che per ogni tipo di semenza oltre alle solite caratteristiche c’è anche la storia. Qui si trovano certamente sementi di pomodori antichi.

http://tatianastomatobase.com/wiki/Main_Page

Pubblicato in Orto | Lascia un commento

Sito dove trovare sementi di piante non ibride

Ho trovato un sito francese davvero molto interessante. L’intento di chi lo ha realizzato è quello di raccogliere, catalogare e conservare il maggior numero sementi di piante non ibride. I volontari che aderiscono a questo sito sono più di 2.000 e ciascuno di loro invia, a chi gliene fa richiesta le proprie sementi in modo del tutto gratuito. Il richiedente chiaramente deve pagare solamente le spese di spedizione. E’ davvero un peccato che in Italia nessuno abbia pensato ad una iniziativa del genere

Questo è il link del  sito

http://tatianastomatobase.com/wiki/Main_Page

Pubblicato in Orto | Lascia un commento

Come ottenere, realizzare, fare nascere, piantine di pomodoro utilizzando i semi.

Spero che questo tutorial illustrato passo dopo passo possa aiutarvi nella realizzazione delle vostre piantine di pomodoro. Per prima cosa procuratevi un bel pomodoro maturo e apritelo

Raccogliete i semi in un bicchiere di vetro o di plastica

 Lasciate fermentare per 2 o 3 giorni fino a quando con vedrete comparire la muffa che ha una attività antibiotica nei confronti di malattie virali che si tramettono con i semi

Versate quindi il tutto in un colino

Sciacquare sotto il rubinetto per togliere tutte le impurità

Fate asciugare i semi in un luogo ombreggiato (in casa va benissimo) sopra un piatto di plastica o sopra un piattino di vetro o da caffè. Non usate la carta perchè i semi si incolleranno e farete parecchia fatica a staccarli

Questi sono i semi ormai seccati, ora non ci resta che dividerli

Ora non ci resta che riporli in una bustina (meglio se di carta); io uso queste comode bustine di plastica, ma potrete utilizzare anche altri tipi di contenitori. Ricordatevi di catalogare le sementi, scrivete pertanto il tipo di pomodoro e l’anno in cui è stata realizzata la semenza

Ora passiamo alla seconda fase, quella relativa alla semina che io vado ad effettuare nella prima settimana di marzo. Io abito in Lombardia dove il freddo dura parecchio. Nelle altre regioni più a sud questa operazione potrà essere fatta anche con qualche settimana di anticipo.  Innanzitutto dobbiamo procurarci dei contenitori dove dovranno crescere le nostre piantine, io uso questi (vedi foto)

Dovremo poi riempire i contenitori di terriccio, io uso questo

qui il terriccio

bene ora riempiremo il contenitore al 90% con il terriccio

inseriamo 3 o 4 semi per ogni contenitore come si vede nella foto che segue. Inseriamo più semi in modo di avere la certezza che almeno uno si traformerà in piantina. Se spunteranno più piantine per vasetto, ricordiamoci che solo una deve rimanere.

Ora  andiamo a colmare il contenitore con altro terriccio, in modo da coprire i semi. Ricordiamoci che i semi non devono essere piantati in profondità

ora non ci resta altro che innaffiare il terriccio, io uso una bottiglia di plastica nel cui tappo ho praticato alcuni forellini a  mo’ di innaffiatoio

e qui sotto la foto dell’innaffiatura, che andrà effettuata ogni giorno

 Bene siamo ormai alla fine. I contenitori vanno posti alla luce del sole, pertanto vi consiglio di procurarvi una piccola serra come quella che si vede nella foto che segue

se non avete la serra potrete porre i contenitori dietro alla finestra di casa, ma non sotto perchè c’è il rischio che le pianti “filino” cioè che si allunghino a dismisura nella spasmodica ricerca della luce. Nella foto che segue vi mostro le piantine ormai spuntate

la serrettina che vedete nella foto sopra non è delle più adatte per far crescere le piantine perchè quelle sotto sono soggette a “filare” in quanto vengono ombreggiate da quelle poste al piano superiore.

Una volta che le piantine raggiungono una altezza di una decina di cm potranno essere trapiantate nel vostro orto

Lasciami un commento se questo tutorial di è stato utile. Grazie

Pubblicato in Orto | 29 commenti